Eventi

ad assisi la borsa del turismo religioso internazionale 01

Approda ad Assisi la quarta edizione della Borsa del Turismo Religioso Internazionale, BTRI che dopo le due edizioni 2015 e 2016 a Padova e 2017 a Roma si svolgerà dal 24 al 27 novembre 2018 nella città di Francesco, nota in tutto il mondo per la sua connotazione religiosa. E per la BTRI, che si rivolge al mondo del turismo religioso e dei pellegrinaggi, del turismo culturale, artistico e storico, non poteva esserci luogo più consono, considerato che la città umbra è al primo posto in Italia per il turismo religioso.

Durante la presentazione a Roma presso la Sede dell’Enit, con il sindaco di Assisi Stefania Proietti, il direttore della BTRI Nicola Ucci, il dirigente del settore Turismo di Assisi Giulio Proietti Bocchini, il presidente di Federalberghi Perugia Simone Fittuccia e la presidente di Discover Assisi Convention Bureau Elena Angeletti, a fare gli onori di casa è stato Giovanni Bastianelli, direttore esecutivo dell’Enit, che ha sottolineato che è sempre la qualità la parola chiave dell’offerta turistica, non solo qualità nel ricettivo ma anche nei servizi offerti.

Assisi è il luogo ideale dove trascorrere un periodo di vacanza, perché quello che i turisti cercano è un forte legame con la natura, sostenibilità e benessere psicofisico. Una vacanza attiva per vivere la natura e quello che c’è intorno alla destinazione compresa l’offerta enogastronomica. Il 50% del turismo in Umbria fa tappa ad Assisi, se si considera che 6 dei 12 milioni di visitatori che ogni anno giungono in Umbria visitano Assisi e molti di loro utilizzano la cittadina come base per escursioni in altri luoghi umbri. Se il 2017 è stato un anno di flessione per il comparto turistico umbro l’unica cittadina dove il turismo è cresciuto rispetto al 2016 è stata proprio Assisi che vuole fare da traino per il resto dell’Umbria e per stimolare l’economia del turismo, settore trainante della regione.

Stefania Proietti, sindaco con delega al turismo, ricordando la vocazione all’ospitalità e l’attrattività della città fin dall’epoca pre-romana come dimostrano gli importanti siti archeologici, ha assicurato la condivisione e lo sviluppo del progetto della Btri anche attraverso i tanti cammini che attraversano i luoghi francescani e benedettini umbri, in armonia con la natura, col territorio e con la sua storia. A questo scopo si sta sviluppando il tema del turismo dei cammini, un settore che sta avendo un forte incremento e il gemellaggio con Santiago de Compostela conferma l’interesse della città per questo tipo di turismo.

Per incrementare la sosta dei turisti nella città umbria la presentazione della BTRI è stata l’occasione per la presentazione da parte del dirigente del settore Turismo di Assisi Giulio Proietti Bocchini della Assisi Welcome Card, una card completamente gratuita che viene distribuita dagli operatori delle strutture ricettive di Assisi a chi soggiorna in città. La card offre sensibili riduzioni negli esercizi commerciali, nei musei, nei parcheggi e nell’utilizzo dei taxi cittadini. In questo modo viene restituita al turista la tassa di soggiorno, una tassa di scopo volta alla tutela del territorio.

Nicola Ucci, direttore della BTRI, durante la presentazione ha illustrato il programma della tre giorni alla quale parteciperanno oltre 50 buyer tra italiani ed esteri e oltre un centinaio di sellers provenienti dall’Umbria, dall’Italia e da alcuni paesi esteri. Il programma prevede per sabato 24 pomeriggio un incontro con Il Sindaco presso Palazzo Comunale, per domenica 25, al mattino, un meeting promozionale riservato a Enti, Associazioni, realtà religiose, umbre, italiane ed estere, dove potranno presentare i loro progetti e le loro realtà (siti religiosi, cammini e itinerari) e, nel pomeriggio, una visita guidata di Assisi, fino alla Basilica di San Francesco. Per lunedì 26 gli operatori (buyer e seller) saranno coinvolti nel workshop che si terrà al Palazzo Monte Frumentario. Alla sera, per i buyer, è previsto un percorso archeologico romano-medioevale seguito da una cena medievale.


 archivio

fShare
4
Pin It

Nice Social Bookmark

FacebookMySpaceTwitterDiggDeliciousStumbleuponGoogle BookmarksRedditNewsvineLinkedinRSS FeedPinterest
Pin It