animali come viaggiare in auto con fido al sicuro 01 

Griglia divisoria se in auto c'è più di un cane, soste obbligate per far sgambare Fido durante il viaggio, guida tranquilla quindi senza scatti improvvisi: questi sono solo alcuni dei consigli che il comportamentalista Vieri C. Timosci, meglio noto come Dr. Dog, dispensa in occasione della presentazione della nuova linea di accessori dedicati al nostro amico a quattro zampe lanciata da Land Rover e che si potrà scoprire direttamente in concessionaria. 

"L'auto deve essere un luogo sicuro e confortevole per tutti i passeggeri, pelosi e non", precisa Dr. Dog, testimonial di Land Rover, "quindi è importante rispettare gli spazi, ma soprattutto mettere tutti a proprio agio e in sicurezza. Usando il buon senso e una dose di fantasia abbinata allo spirito di avventura i viaggi con i nostri cani diventeranno un'esperienza fantastica!".

L'iconica casa automobilistica britannica, infatti, ha messo a punto una serie di accessori esclusivi per cani riservati a tutti i suoi modelli. In particolare, la "Griglia divisoria" per assicurare cani o altri animali domestici nel vano bagagli e per evitare intrusioni nella cabina passeggeri; la "Rampa di accesso grande" richiudibile in alluminio, plastica e piedini in gomma antislittamento per far salire e scendere dall'auto animali fino a 85 chili; la "Ciotola antiversamento" da 350 ml con base in gomma antiscivolo e fascia di sicurezza; il "Trasportino richiudibile" con leggera struttura in metallo, cuscino in tessuto trapuntato e finestrini a rete. E ancora: il "Tappetino in gomma" leggero, resistente e di alta qualità per proteggere il vano di carico; il "Sistema di risciacquo portatile" (doccetta) per lavare l'animale domestico o altre attrezzature prima che entri nel vano bagagli, alimentata da un serbatoio che contiene fino a 6,5 litri d'acqua - azionando l'erogatore l'acqua scorre fino a un massimo di cinque minuti.

I 5 consigli di Dr. Dog per viaggiare sicuri e felici:

1. Trasportino - Abituate il cane gradualmente ad entrare in un trasportino pieghevole, così lui starà bene in un luogo tutto suo e voi sarete lieti di saperlo contento e sicuro. Usate il rinforzo positivo con dei bocconcini particolarmente buoni. Fissate il trasportino in modo che non si sposti.

2. Soste – Durante il viaggio programmate delle soste per far sgranchire le zampe e far bere il cane in tranquillità. Occhio al calore estivo che trasforma l'auto in una fornace, anche se non lasciata direttamente sotto al sole.

3. Rampa d'accesso – È utile per far salire e scendere dall'auto sia i cani anziani o con difficoltà motorie, sia i cuccioli che fino a un anno di età devono preservare le delicate articolazioni ed evitare di saltare su e giù dalla vettura.

4. Doccetta – È un accessorio fondamentale, specie se molto capiente d'acqua, per pulire il cane e le sue cose, eliminando così la sporcizia prima di risalire in auto.

5. In auto – Secondo l'art. 169 del Codice della Strada se in auto ci sono almeno due cani gli stessi dovranno viaggiare o nel trasportino o dietro a una rete divisoria, posizionati sul retro, per garantire la sicurezza di tutti.


archivio

il senegal ricomincia da capo verde 01

Lo scorso anno sono stati 712mila gli arrivi a Capo Verde, il 20 per cento dei quali italiano. Quest'anno, puntano a un milione 200mila.

La nuova sfida turistica del Senegal passa attraverso le rotte di Cabo Verde Airlines, compagnia aerea di proprietà al 51% di Icelandair e del governo di Capo Verde, che assicura comodi collegamenti per Dakar con i suoi voli giornalieri, quattro da Milano e tre da Roma, operati con Boeing 757 e tariffe family, promo, basic, flex e premium. Dal primo luglio è tornato a volare sull'Italia. Lo ha confermato Gianbattista Sassera, rappresentante sul mercato tricolore della compagnia, in occasione dell'evento per il trade organizzato a Roma insieme all'Agence sénégalaise de promotion touristique.

Non a caso Capo Verde sta attirando sempre più investimenti turistici di qualità: qui hanno aperto Melia e Hilton, grandi catene internazionali e poi c'è il Gruppo Alpitour, presente a Sal e Boavista con il vettore di casa, Neos.

"Il turismo a Capo Verde sta cambiando – ha dichiarato Pietro Dusi, nuovo direttore commerciale di CaboVerdeTime, - e aumenta la capacità di spesa dei turisti che arrivano qui ". L'operatore quest'anno lancia due nuovi prodotti sull'isola di Sal: l'Hotel Sobrado, quattro stelle con 54 camere in formula b&b, e Halos Casa Resort, 110 suite in formato all inclusive alle quali, dalla primavera 2020, si aggiungerà un hotel con 250 camere, piscine e parco acquatico interno.

“La compagnia aerea – ha sottolineato Gianbattista Sassera, rappresentante in Italia del vettore – offre anche lo stop over gratuito fino a 7 notti a Sal dove operano alberghi di standard internazionale con la formula dell’all inclusive. Ma la grande scommessa è il Senegal, una destinazione facilmente raggiungibile da Sal con circa 20 minuti di volo”

Francesco Martino, rappresentante in Italia di Destination Senegal, ha illustrato ad operatori e stampa le caratteristiche di questa meta. “Da nord al sud il Paese è un condensato ideale dell’Africa che si sogna: non a caso la promozione poggia sui sei poli turistici che caratterizzano un’offerta tra le più varie per i mercati europei ed in particolare per quello italiano. Al momento possiamo contare su 28 tour operator italiani, da Eden Viaggi a Todra. Dalla capitale Dakar al Lago Rosa, e ancora dall’Isola di Goree al Parco Nazionale di Saloum, sito Unesco, il Senegal rappresenta la proposta d’Africa tra le più complete e soprattutto, tra quelle a portata di budget di varie tipologie di viaggiatori. Di solito proponiamo un viaggio di almeno 11 giorni, nel periodo che va da novembre a giugno, con soste a Dakar ed al lago Rosa e abbinamento con altri poli turistici del paese, a partire da Casamance (la Camargue africana) e Touba la Città Sacra".

"Il nostro obiettivo, ha spiegato il deputy ceo Mario Chaves, "è arrivare a collegare quattro continenti: l'Europa, dove voliamo a Lisbona, Parigi, Roma e Milano, l'America, dove operiamo a Boston e poi Fortaleza, Recife e Salvador, e Dakar, in Senegal". Un hub in pieno Oceano Atlantico, quindi, per il vettore che entro la fine dell'anno conterà una flotta di cinque aeromobili e nuove destinazioni: Washington e Toronto sulla direttrice atlantica, Lagos e Ruanda in Africa.


archivio

Nice Social Bookmark

FacebookMySpaceTwitterDiggDeliciousStumbleuponGoogle BookmarksRedditNewsvineLinkedinRSS FeedPinterest
Pin It