la festa dell olio novello a vetralla vt 01

Si terrà dal 27 al 29 ottobre prossimi l'annuale Festa dell'Olio Extravergine di Oliva Novello di Vetralla (VT).  Sarà l'occasione per vivere un weekend fra un alternarsi di conoscenze, emozioni e sapori.

La manifestazione, organizzata dall'Amministrazione Comunale e sostenuta dal Consiglio Regionale del Lazio, dalla Provincia di Viterbo, dal CAT Confesercenti Viterbo, dalla Camera di Commercio di Viterbo e dalla locale Pro Loco, è giunta alla XVI^ edizione e punterà quest'anno su una iniziativa innovativa. Nell'ambito degli eventi programmati figura, infatti, un momento di promo-commercializzazione intitolata “VISITUSCIA SI...V'OLIO” nel corso del quale operatori professionali italiani ed esteri si confronteranno su un tema specifico, al centro del quale c'è un prodotto, l'Olio Extravergine d'Oliva DOP della Tuscia, con tutte le sue problematiche connesse alla produzione e vendita sui mercati nazionali ed esteri. L'iniziativa è accompagnata da un educational tour dedicato alla stampa specializzata e agli operatori di settore provenienti non solo dal Viterbese ma anche da altre regioni italiane. Il Workshop (incontro della domanda e dell'offerta) è curato dal C.A.T. - Centro Assistenza Tecnica Sviluppo Imprese della Confesercenti di Viterbo. L’appuntamento è fissato per sabato 28 ottobre, alle ore 9,00, presso l’ex Palazzo Zelli.

la festa dell olio novello a vetralla vt 02

Un altro momento significativo della manifestazione è dato dall’Incontro-Dibattito “L'Olio Extravergine di Oliva: Re del Benessere e della Tavola” al quale parteciperanno esperti nutrizionisti, medici, marketing manager e docenti universitari della Facoltà di Agraria dell'Università della Tuscia di Viterbo. Scopo di questo incontro è quello di far conoscere il valore nutrizionale dell'olio di oliva come alimento per la salute. A questo incontro, che si terrà nel pomeriggio di venerdì 27 ottobre nella Sala Consiliare del Comune, farà seguito sabato 29 ottobre in Piazza della Rocca, la “Giornata delle tecniche per la raccolta e la potatura dell’ulivo” a cura dello studio Agroforest, con l’intervento del Dott. Giorgio Pannelli. Si tratta di un momento molto importante nel corso del quale si terrà anche una Conferenza dal titolo “Agricoltura: una ricchezza per il territorio, una risorsa per il futuro” con un intervento incentrato sulla “Olivicoltura tradizionale Viterbese, un patrimonio da valorizzare”. Al termine, nella Sala Consiliare del Comune, si svolgerà invece la Conferenza “La lotta biologica alla mosca dell’olivo: i rimedi naturali ed i possibili trattamenti per la difesa dal parassita”. Non mancheranno gli appuntamenti dedicati ai più piccoli nell’intento di trasmettere anche alle nuove generazioni i valori e i significati di una tradizione che a Vetralla e nel Viterbese è antica di millenni.

Gli studenti delle scuole elementari e medie parteciperanno al Concorso, indetto da Comune, di poesia e arti visive avente come tema “L’olio nella storia, tra simbologia e benessere alimentare”, mentre i bambini in età scolare e non, si dedicheranno ad un “Laboratorio della pasta”, a loro esclusivamente dedicato. Il ricco programma si completa con visite guidate al centro storico di Vetralla e presso i frantoi locali, l'allestimento di stand per l'esposizione e la vendita dell'Olio Novello, l’assaggio di bruschette e la degustazione di altri prodotti tipici locali.


archivio

festa grande ad acqualagna per la 52ma fiera del tartufo bianco 01

La Fiera del Tartufo Bianco di Acqualagna è l’evento più atteso dell’anno in questa cittadina dell'Appennino marchigiano circondata dai boschi della riserva naturale della Gola del Furlo, tra Pesaro e Urbino. Ogni anno è corale l’impegno della popolazione nel celebrare il tuber magnatum Pico bianco, il più pregiato, protagonista della cultura gastronomica e dell’economia locale. Qui nascono i due terzi della produzione nazionale di tartufi, articolata in quasi tutti i mesi dell’anno secondo le varie tipologie stagionali: bianco, nero, nero pregiato e bianchetto. In larga parte la raccolta – 600/700 quintali annui- viene esportata in tutto il mondo, soprattutto in Germania, Paesi Bassi, Francia, Usa Russia Emirati e Giappone. Quest’anno, per la siccità che non ha rispettato le zone tartufigene marchigiane, si prevede una raccolta più contenuta anche se a guadagnarci sarà la qualità. Il prezzo infatti cambia secondo la pezzatura, da 1500 euro al kg per i piccoli a salire fino a 3-4000.

A presentare a Roma, al Pio Sodalizio dei Piceni, il programma di questa 52ma Fiera patrocinata dalla Regione Marche e dal Ministero delle Politiche Agricole, sono stati il sindaco di Acqualagna Andrea Pierotti, il vice Presidente del Consiglio regionale delle Marche, Renato Claudio Minardi, Lorenza Marchetti, imprenditrice dell’azienda di lavorazione dei tartufi T&C, sponsor della Fiera, ed Emanuele Baroncini di Enel Green Power, partner dell’evento.

festa grande ad acqualagna per la 52ma fiera del tartufo bianco 03

"La nostra manifestazione storica ha saputo innovarsi – ha detto il sindaco PIerotti - e il territorio grazie a questi prodotto identitario è divenuto un importante distretto economico coinvolgendo tutta la comunità :non solo di cavatori e commercianti, ma di trasformatori, addestratori di cani, fabbricanti di attrezzi e addetti alle tartufaie. Il profumato tubero è un dono della terra, dall’origine misteriosa, si trova per caso o per fortuna, grazie al finissimo fiuto di un cane o dell’attenzione con cui il cercatore scruta il terreno di luoghi vocati. Solo il tartufo nero, meno pregiato, può essere coltivato con l’ausilio della scienza, e ad Acqualagna le tartufaie sono oltre 200, con una discreta produzione".

La Fiera si aprirà il 29 ottobre e durerà fino al 12 novembre: un vasto arco di tempo per seguire i tanti eventi previsti dal programma, ogni anno più articolato. Il cuore dell’evento sarà come sempre Piazza Enrico Mattei che diventerà il Salotto da gustare con la mostra mercato, sede di cooking show con chef stellati, competizioni ai fornelli tra vip, degustazioni, spettacoli, percorsi a tema, mostre, laboratori didattici e creativi per adulti e bambini, esperienze sensoriali, visive e olfattive. Ai fornelli si esibiranno gli chef Alessandro Borghese, Giulia Brandi, Daniel Canzian, Andrea Mainardi e Hirohiko Shoda, meglio conosciuto come Hiro e Giorgione. Giorgio Barchiesi – questo il suo nome - riceverà il prestigioso premio “Ruscella d’Oro” per aver promosso la cultura del tartufo girando ad Acqualagna dieci puntate per la tv.

festa grande ad acqualagna per la 52ma fiera del tartufo bianco 02

Nel Palazzo del Gusto, antica dimora restaurata, il cibo di qualità sarà il protagonista insieme ai vini locali, alle birre, all’olio dop di Cartoceto, ai salumi, al prosciutto di Carpegna e alla casciotta di Urbino. Al Palatartufo invece si potranno scoprire le migliori produzioni legate al tubero, tipiche del territorio, e incontrare il produttori. Per Renato Claudio Minardi, vice Presidente del Consiglio regionale delle Marche, Acqualagna si è sempre distinta nella raccolta, nella trasformazione e nel commercio del pregiato fungo ipogeo, un prodotto che si trova tutto l’anno. “Da qui – ha detto- è nata una grande economia per tutto il territorio. Sappiamo quanto sia importante l’enogastronomia per il turismo italiano, per scoprire un luogo e, in questo caso, il Tartufo Bianco di Acqualagna è il medium ideale per conoscere più da vicino tutte le bellezze delle Marche”.

L’imprenditrice Lorenza Marchetti, da 30 anni impegnata nella lavorazione del tubero organizza anche visite ed esperienze nei boschi per i clienti anche stranieri. “E’ sempre un’esperienza straordinaria. E poi noi marchigiani siamo un po’ come il tartufo, ci piace essere scoperti piano piano. Venite a scoprirci”.

Durante la Fiera sarà possibile visitare la Diga del Furlo. “Stiamo sviluppando un business sostenibile con il territorio – ha detto Emanuele Baroncini- e durante la Fiera offriremo la possibilità di visitare la diga, sito di grande suggestione e bellezza, con l’evento Centrale Aperta. Organizzeremo anche un evento dedicato con un’opera d’arte 'La Sirenetta del Furlo' di Antonio Sorace, scultore romano-furlese che, dopo lavori restauro, sarà riposizionata nella Spalletta della Diga".

Ma la Fiera cambia con i tempi e diventa sempre più tecnologica. Quest’anno a cura di IES (Informatica e Società Digitale) tra i protagonisti ci sarà Il robot Nao che cucinerà piatti al tartufo mentre un altro umanoide, Pepper, dialogherà con i visitatori in 18 lingue grazie ad una speciale applicazione.

Per conoscere il programma completo degli eventi: www.acqualagna.com


archivio

Nice Social Bookmark

FacebookMySpaceTwitterDiggDeliciousStumbleuponGoogle BookmarksRedditNewsvineLinkedinRSS FeedPinterest
Pin It