primavera in umbria un calendario ricco di eventi 02

Una Umbria ricca di eccellenze, arte, cultura, tradizioni, enogastronomia ed emozioni. Sono migliaia gli eventi e le occasioni che anche quest’anno la Regione Umbria mette in campo per invitare i turisti a vivere il suo territorio, cuore verde d’Italia, come un’emozione unica.

Con l’arrivo della bella stagione l’Umbria si fa ancora più invitante e la nuova campagna di promozione turistica lo dimostra valorizzando il territorio ma anche le tradizioni e l’intrattenimento.

“Umbria Emozione Unica” gode di un investimento complessivo di 750 mila euro attraverso una pluralità di canali coinvolti nei mesi di aprile e maggio in un media mix molto articolato: circuito Grandi Stazioni, mezzi dinamici nelle principali città italiane, web nazionale ed estero, stampa nazionale, radio.

I ponti di fine aprile saranno un’ottima occasione per vivere in prima persona quanto l’Umbria sa offrire dal punto di vista enogastronomico. Si comincia subito, con “Pic nic a Trevi. Arte, musica e merende tra gli olivi”, un percorso enogastronomico tra le colline argentee di Trevi, cittadina famosa per il suo olio EVO di qualità moraiolo.
Ma prima di questo c’è la Pasqua, che in Umbria si vive con grandi appuntamenti che si susseguono durante la Settimana Santa. In una terra che ha dato i natali a grandi Santi, (Francesco, Benedetto, Chiara, ecc.)  la Settimana Santa è una tradizione antica con solenni momenti di spiritualità. Momento culminante è il Venerdì Santo (19 aprile), dedicato alla processione del Cristo Morto. Cittadine come Assisi, Norcia, Gubbio, Spello, solo per citare le più conosciute, vedono solenni cortei sfilare per le vie del centro storico con statue del Cristo Morto e dell’Addolorata e figuranti in costume che rievocano la Passione di Cristo mettendo in scena riti antichissimi ai quali partecipano le confraternite cittadine.

primavera in umbria un calendario ricco di eventi 01

Ma i riti di Pasqua in Umbria non sono solo quelli legati alla religione. Pasqua è anche convivialità, voglia di stare assieme, nelle piazze come in tavola. La domenica è usanza sfidarsi all’ultimo uovo. E’ la tocciata o ciuccittu, una gara davvero singolare dove i giocatori si dispongono in centro con un uovo sodo in mano e a turno si picchia l'uovo dell'avversario. Chi rimane con l'uovo integro va avanti nella gara, mentre chi ha l'uovo rotto viene eliminato. La tradizione vuole che chi vinca la gara porti a casa le uova degli avversari sconfitti, per condividerle con la famiglia nel corso del pranzo pasquale.

Dal 18 al 22 aprile si terrà a Terni Umbria Jazz Spring, declinato in quattro filoni della musica nera, Gospel, Soul, Blues &…Jazz. Sarà il più corposo e articolato cartellone di Black Music (nella sua accezione più vasta) a livello nazionale, con una sessantina di eventi, per la gran parte a ingresso gratuito, e oltre cento artisti in cartellone.
Senza dimentica le mostre in calendario alla Galleria Nazionale dell’Umbria, che nell’anno del centenario (1918-2018) ha incrementato del 32,23% il numero dei visitatori rispetto al 2017, per un totale di 78.225 visitatori. Attualmente è in corso la mostra sulle bolle di sapone, inaugurata il 16 marzo e aperta fino al 9 giugno.

Per ulteriori informazioni: www.umbriatourism.it


 archivio

il gran premio terre di canossa scalda i motori 01
Al via la nona edizione che si terrà dall’11 al 14 aprile 2019 tra l’Emilia, la Liguria e la Toscana. 105 gli equipaggi al via, 16 le nazioni, 27 le case automobilistiche, 29 le scuderie rappresentate e 0 le emissioni residue di CO2. 

Un’edizione internazionale con il 78% di equipaggi stranieri iscritti, “rosa”, con il 40% di partecipanti donne, e “verde” perché attenta all’ambiente. L’evento percorrerà le incantevoli strade di Emilia, Liguria e Toscana e sarà come sempre caratterizzato dall’inconfondibile miscela di sport, passione, paesaggi, cultura e serate indimenticabili. Quest’anno il focus sarà prevalentemente sulla montagna: verranno valicati impegnativi passi e si esploreranno le affascinanti strade della Garfagnana per giungere infine all’incantevole mare della Versilia. Non mancheranno le città d’arte, i paesaggi meravigliosi, gli antichi castelli, le dolci colline e le nuove suggestive location scelte come scenario ad una gara tra le più importanti nel panorama internazionale degli eventi per auto storiche.

A conferma del trend degli ultimi anni, anche quest’anno sono aumentati i partecipanti stranieri provenienti da tutta Europa e oltre, raggiungendo il 78% degli iscritti. Il Terre di Canossa in Italia è quindi secondo solo alla Modena Cento Ore come evento con la maggior percentuale di iscritti stranieri, superando anche la Mille Miglia.  L’organizzazione ha dovuto fare qualche strappo alla regola dei 100 equipaggi per accontentare qualcuna in più delle tantissime richieste di partecipazione giunte quest’anno e, come di consueto, le iscrizioni sono state chiuse in anticipo per raggiunto limite degli iscritti a testimonianza del successo conquistato.

Nella competizione sono rappresentate ventinove scuderie. La svizzera Amici senza Frontiere è la più numerosa con 9 equipaggi al via, seguita dall’internazionale Retro Rally Group e dal britannico Team Grancevola.

La gara quest’anno si svolge su un percorso di circa 650 km e prevede ben sessantacinque impegnative prove a cronometro e sei prove di media con rilevamenti segreti. Il Terre di Canossa non è però solo gara, ma è soprattutto una combinazione vincente di auto meravigliose e di gentlemen drivers che arrivano da tutto il mondo per questa opportunità unica di vivere l’Italia in un modo speciale, combinando l’adrenalina della competizione con il piacere della buona cucina italiana e della scoperta dei territori attraversati dal percorso. La fatica della guida è infatti magistralmente intervallata da momenti conviviali.

Confermate per questa nona edizione alcune delle proposte più gradite degli anni passati: la partenza da Salsomaggiore Terme, splendida città liberty, il passaggio nel cuore di Pisa e di Lucca, il Trofeo Forte dei Marmi e il Trofeo Tricolore, riservati ai piloti non “professionisti”, che sono sempre i benvenuti; la “Pre-War Cup” dedicata alle auto anteguerra e l’imperdibile beach party al tramonto a Forte dei Marmi, perla della Versilia.

Molte anche le novità che l’organizzazione ha disegnato per stupire come sempre gli affezionati partecipanti. Tra tutte spiccano la cena del venerdì nella maestosa cornice del Castello Malaspina a Massa, imponente roccaforte dai cui bastioni sarà possibile ammirare il tramonto sulla città e sul Mar Tirreno, e il pranzo del venerdì nella raffinata location offerta dalla Fondazione Magnani Rocca, meglio nota anche come Villa dei Capolavori grazie al prezioso tesoro di opere d’arte esposte: Cezanne, Tiziano, De Chirico, Canova e molti altri grandi, che i partecipanti potranno ammirare.

Grande spazio sarà dato agli impegnativi tratti montani con un nuovo percorso tra le tortuose e boscose strade della Garfagnana e tra le bianche cave di marmo delle Apuane, con un passaggio nel centro di Carrara.  Anche il pranzo del sabato sarà per la prima volta in una incantevole location: al Renaissance Tuscany il Ciocco Resort SPA, nel cuore della Garfagnana.

La gara si chiuderà come sempre a Reggio Emilia, ma per la prima volta il Trofeo Tricolore verrà disputato nel cuore della città, culla della bandiera italiana. 
Quest’anno inoltre verrà premiato il primo equipaggio under 30, a testimonianza del fatto che Terre di Canossa è accattivante anche per i più giovani.

il gran premio terre di canossa scalda i motori 02

Il percorso e il programma
Nella giornata di giovedì 11 aprile i partecipanti convergeranno a Salsomaggiore Terme per le verifiche sportive e tecniche e le auto verranno esposte al pubblico nelle bellissime strade del centro storico dal pomeriggio alla mattina dopo. La cena di gala firmata dallo chef stellato Massimo Spigaroli si svolgerà nel Salone Moresco, gioiello del liberty.

Venerdì 12 aprile, a partire dalle 9.30, le auto verranno presentate al pubblico al cospetto delle Terme Berzieri. Il via alla gara verrà dato alle 10, quando le auto, attraverso le dolci colline parmensi, si dirigeranno verso l’Autodromo di Varano de’ Melegari per un gruppo di prove a cronometro in circuito. Da lì, lungo le strade dell’Appennino attraverso il Passo della Cisa, giungeranno a Berceto e a Borgo Val di Taro per una sosta “caffè ed Amor” e poi, attraverso il Passo della Cappelletta, svalicheranno sino a giungere a Massa e al suo imponente Castello Malaspina. Il pernottamento è come sempre previsto nei più begli hotel di Forte dei Marmi.

Dopo la partenza dalla centrale Piazza Marconi del “Forte”, il percorso di sabato 13 sarà dedicato alla Toscana, con gli spettacolari passaggi in alcune delle città d’arte più famose d’Italia. Suggestiva la sfilata nel cuore di Pisa, il passaggio nel centro di Lucca e la parata sulle sue antiche mura. Si percorreranno poi le spettacolari e sfidanti strade della Garfagnana e, attraverso il Passo del Vestito, unico e suggestivo per i suoi passaggi tra le bianche cave e attraverso antiche gallerie scavate al vivo nella roccia, si giungerà nel centro di Carrara, meta imperdibile per artisti antichi e contemporanei, per finire poi la tappa a Forte dei Marmi, perla della Versilia, con il Trofeo Forte dei Marmi. La serata avrà come sempre il suo culmine a partire dal tramonto all’imperdibile Beach Party con musica dal vivo sulla spiaggia del Bambaissa, per una notte indimenticabile. 

Domenica 14 i partecipanti affronteranno le sfidanti strade delle Alpi Apuane e, dopo il passaggio nel centro di Sarzana, guideranno sugli impegnativi tornanti del Passo del Cerreto. L’arrivo finale sarà in Piazza del Duomo a Reggio Emilia, dove si svolgerà anche il Trofeo Tricolore, mentre il pranzo e le premiazioni si svolgeranno in una location legata alla passione per le auto classiche: Ruote da Sogno

Un’edizione “internazionale e rosa”
Oltre all’altissima percentuale di stranieri iscritti, anche un altro numero spicca in particolare: il 40% dei partecipanti sono donne, senza bisogno di “quote rosa”…. Terre di Canossa realizza infatti il sogno di essere allo stesso tempo una gara impegnativa e un’occasione di piacevole turismo, apprezzata sia dai più agguerriti piloti, sia da chi è in cerca di una vacanza un po’ speciale.

Un evento Green
Confermata l’attenzione all’ambiente da parte dell’organizzazione: anche quest’anno viene adottato volontariamente il protocollo CarbonZero, che impone l’adozione di tutte le misure utili alla riduzione dell’impatto ambientale e calcola le emissioni residue di gas climalteranti. Le emissioni verranno poi completamente azzerate tramite la piantumazione di nuovi alberi nell’Appennino Tosco-Emiliano.
www.gpcanossa.it 


 archivio

Nice Social Bookmark

FacebookMySpaceTwitterDiggDeliciousStumbleuponGoogle BookmarksRedditNewsvineLinkedinRSS FeedPinterest
Pin It