riapre il museo delle navi a fiumicino 01

Riapre al pubblico, con ingresso gratuito fino alla fine dell'anno, il restaurato Museo delle Navi romane di FIumicino chiuso dal 2002 per restauri e bonifica dall’amianto del tetto. La cerimonia di inaugurazione si è tenuta venerdì 8 ottobre alla presenza del Ministro della Cultura Dario Franceschini, del Direttore Generale dei Musei, Massimo Osanna, del direttore della Soprintendenza archeologica di Ostia Antica, Alessandro D'Alessio, del Presidente e dell'Ad di Adr, Claudio De Vincenti e Marco Troncone e del sindaco di Fiumicino Esterino Montino.

La struttura era stata aperta una prima volta nel 1979 per ospitare i reperti venuti alla luce durante gli scavi per la creazione dell’Aeroporto Leonardo da Vinci. Tra il 1958 e il 1965 erano venuti alla luce due relitti di grandi navi fluviali oltre ad altre barche di misura più contenuta e altri reperti e materiale archeologico.

La rinnovata veste del museo permette una visione dall’alto dei relitti grazie ad una passerella sospesa che corre lungo le pareti e con diverse altezze lascia spaziare lo sguardo tra carene, chiglie e l’intera struttura nel suo insieme. Pannelli esplicativi raccontano la storia dell’eccezionale scoperta corredata da foto dell’epoca. Altre vetrine espongono materiale di scavo ritrovato nella zona dei Porti di Claudio e Traiano. Completano l’esposizione la sala multimediale con video esplicativi.

Intervenendo al taglio del nastro il ministro della Cultura Dario Franceschini si è così espresso: “Il museo delle Navi è un grande progetto dal punto di vista scientifico e museale ed è anche una grande sfida per l’integrazione con gli altri servizi. Pochi aeroporti al mondo possono immaginare di offrire la possibilità di vedere delle meraviglie di questo genere a poche centinaia di metri. Queste navi ci ricordano come le civiltà del passato siano nate intorno ai grandi porti o a quelli fluviali. Le città del futuro si svilupperanno intorno ai grandi aeroporti. Quest’area ha delle potenzialità urbanistiche e di integrazione ancora tutte da esprimere, in particolare nell’unire il patrimonio culturale con l’innovazione e con i milioni di visitatori che potrebbero arrivare qui direttamente dallo scalo di Fiumicino. Questo museo, insieme al parco archeologico di Ostia Antica e ai porti imperiali di Claudio e Traiano fanno parte dei Grandi progetti Beni culturali, gli investimenti speciali che accedono ad un fondo ad hoc del bilancio dello Stato. La sua riapertura è la dimostrazione - e lo sarà anche nel futuro - che quando le istituzioni lavorano insieme è possibile realizzare delle cose davvero importanti”.

riapre il museo delle navi a fiumicino 02

“Un museo che riaprirà al 100% della capienza è una coincidenza bellissima. D’altronde l’avevamo detto da tempo che i luoghi della cultura erano sicuri e che si poteva riaprirli tutti. Oggi, in condizioni di sicurezza, con le mascherine e i green pass, si torna alla capienza piena: un risultato importante chiesto da tutto il mondo della cultura e condiviso nel Consiglio dei ministri. Da quando è stato introdotto il green pass, sono aumentate moltissimo le presenze nei musei: la gente si sente più sicura ad entrare in luoghi dove si sa che le persone sedute di fianco sono vaccinate e hanno il green pass. Il vaccino aiuta a ripartire".

La riapertura del Museo amplia l’offerta culturale del territorio, che già comprende l’aera archeologica dei Porto imperiali di Claudio e Traiano, la Necropoli di Porto e l’area archeologica di Ostia Antica.

Il Museo, situato in via Alessandro Guidoni nei pressi dell'aeroporto internazionale Leonardo da Vinci, da martedì 12 ottobre è aperto alle visite tutti i giorni tranne il lunedì dalle 10 alle 16, con ingresso gratuito per tutto il 2021.


archivio

partnership societa dante alighieri e montecatini international short film festival 01
Il MISFF – Montecatini International Short Film Festival e la Società Dante Alighieri lanciano un progetto che punta all’esportazione della cultura italiana e del Made in Italy, innovando i linguaggi della comunicazione e creando una sinergia tra associazioni culturali, istituzioni e reti di imprese con l’obiettivo di veicolare all’estero il patrimonio culturale del Belpaese, tra tradizione e innovazione. E’ questa la mission della patnership.

L’iniziativa è stata presentata presso la sede romana della Società Dante Alighieri da Marcello Zeppi,Presidente del MISFF, con Alessandro Masi (Segretario Generale della Società Dante Alighieri), alla presenza di Manuel Vescovi (membro della commissione permanente Esteri del Senato della Repubblica), Alessandro Sartoni (Assassore alla Cultura del Comune di Montecatini Terme), Olga Strada (Presidente della Giuria Internazionale del Montecatini International Short Film Festival), Laura Villani (Direttore Artistico del progetto Bio& Arts MISFF), Eugenio Ferrari (Presidente di ASSORETIPMI), Monica Franco (Vicepresidente di ASSORETIPMI), Claudio Bucci (produttore cinematografico a capo di TOED Film), Tiziana Zampieri (amministratore delegato di Alpha Green Italia), Andrea Torracca (Presidente nazionale dell’associazione culturale Esperienza Italia), Maria Giulia Frova e Manuela Zennaro (rappresentanti dell’Associazione Nazionale Le Donne del Vino) e con un video messaggio di Serena Ranieri, Presidente Nazionale Federmep, associazione impegnata a tutela del comparto della filiera degli eventi privati, dei matrimoni, e della valorizzazione dei borghi e dei territori italiani.

Un’evoluzione naturale per il festival del cortometraggio di Montecatini Terme, città che vive di cinema fin dal 1926, fin da quando Mary Pickford, Douglas Fairbanks, Charlie Chaplin e D.W. Griffith, fondatori della United Artists, la scelsero come “Città Simbolo del Cinema in Italia”. Un festival che accoglie ogni anno centinaia di registi, produttori e autori emergenti da tutto il mondo, realizzando, inoltre, progetti e programmi europei ( come il Progetto Erasmus Movie Nature) e gemellaggi con altri autorevoli festival cinematografici internazionali .

Marcello Zeppi, Presidente del Montecatini International Short Film Festival,nel presentare il progetto ha dichiarato: «Da Dante fino ai social network, passando attraverso il cinema, il nostro modo di comunicare, di raccontare il mondo in cui viviamo, e quindi la nostra stessa cultura, è cambiato in modo radicale di pari passo con l’evoluzione dei mezzi espressivi, e il Cinema è uno strumento formidabile per raccontare il territorio, le imprese, le produzioni tipiche, lo stile di vita, la cultura e la lingua italiana. Ecco perché la collaborazione del nostro festival con la prestigiosa Società Dante Alighieri e con realtà impegnate sul territorio come l’Associazione delle Donne del Vino, le reti di impresa e le associazioni di categoria come Federmep crea un unicum che aggiunge valore ad ogni settore poiché lo completa e lo rende unico nel panorama internazionale».

L’Associazione Montecatini Cinema ha presentato nel corso dell’incontro anche il progetto “Centro Studi Internazionale Identità Italiana” collegato ai presidi degli italiani all’estero e al network dei centri dedicati allo studio della lingua italiana, molti dei quali gestiti e sostenuti dalla Società Dante Alighieri e dagli Istituti Italiani di Cultura, dalle rappresentanze italiane all’estero, e dalle reti di imprese italiane.


archivio

Nice Social Bookmark

FacebookMySpaceTwitterDiggDeliciousStumbleuponGoogle BookmarksRedditNewsvineLinkedinRSS FeedPinterest
Pin It