Palati Raffinati

il conero nel calice 01

La Riviera del Conero, rappresenta un piccolo mondo a parte lungo la costa adriatica. Sotto un monte che s’innalza d’improvviso a picco sul mare, ci sono spiagge di ciottoli bianchi e calette segrete, tra baie, grotte e pinete che si affacciano sul mare, anche l’acqua cambia colore, trasparente e profonda, vira dai toni dell’azzurro più cristallino al verde smeraldo. Le colline del Conero e tutta la riviera, in questo suggestivo tratto di costa tra Ancona e Macerata, rappresentano una vera perla anche per gli appassionati di turismo enogastronomico. Una tradizione culinaria di ottima qualità che sa spaziare dalla cucina di mare a quella di terra sostenute da grandi vini quali Rosso Conero e il Verdicchio.

La vitivinicoltura in questo lembo magico di costa marchigiana è, dopo il turismo, l’attività economica di gran lunga prevalente. Il parco del Conero potrebbe tranquillamente essere definito un “parco-vigneto”: un microclima continuamente ravvivato dalle brezze marine e un terreno calcareo di grande struttura, permettono al vitigno Montepulciano di esprimere nel Rosso Conero una tipicità impossibile altrove. Il Rosso Conero si sposa perfettamente con le pietanze a base di carne, salumi e formaggi. Ha un gusto fortemente fruttato ma ricco di sfumature. Prodotto con uve Montepulciano, che nella zona del Conero trovano il loro habitat naturale. La tipologia dell’uva mantiene alto il livello dei tannini che rende il gusto molto più intenso per i vini novelli, e col passare del tempo si ammorbidisce rendendolo il vino ideale per le carni rosse cotte alla brace.

il conero nel calice 02

Ecco una selezione delle migliori cantine di vino del Conero, per degustare le mille sfaccettature di un terroir unico: Moroder, viticoltori dal 1837 in un territorio ricco e vocato all’agricoltura come quello del Parco del Conero, nel quale si estende l’azienda. Dalle vinacce, distillate fresche subito dopo la svinatura, si ottengono due grappe: una secca e l’altra più morbida, affinata in legno. Fiore all’occhiello il Conero Riserva Docg da uve Montepulciano, con i tipici sentori di visciole selvatiche e delicate viole. Esplode in bocca il sapore degli stessi frutti che accompagnano una piena sapidità di insiemi, tannini inclusi. Dalla Cantina Vigna della Cava, flò Marche Igt Rosato, l’autoctono per eccellenza come è il Montepulciano per l’area vitivinicola anconetana. Vinificato in bianco, si presenta con un colore rosa vivace e gradevole, profumo floreale, fruttato, buona acidità, sapido e persistente, eccelle grazie alla sua giovanile freschezza. Biologicamente vino, il più naturale e il meno lavorato possibile, rispettando le caratteristiche naturali del prodotto. Tra i vini dell’azienda agricola Oriano Mercante di Camerano, da provare il Verdicchio Doc dal profumo delicato, fresco con fragranza di frutta, fiori e mandorle amare. Gusto asciutto con retrogusto amarognolo. Colore giallo paglierino e riflessi verdognoli. Mentre Il Cacciatore di Sogni è il Rosso Conero Doc dell’azienda agricola La Calcinara: 95% Montepulciano, 5% Merlot. Colore rosso rubino intenso con riflessi violacei. Al naso è intenso, complesso ed elegantemente fruttato, i sentori di marasca e prugna sono accompagnati da spezie dolci ed erbe aromatiche. In bocca è intenso e persistente con tannini morbidi che rendono il sorso vellutato. Un’eleganza che accarezzale labbra ad ogni sorso. Come un bacio. Il Primonato Rosato Marche Igt 2013, da uve Montepulciano, si presenta con un colore rosa molto vivace, intenso e gradevole, profumo floreale, fruttato, fragoline di bosco e lamponi, al gusto è fresco, buona acidità, sapido, persistente. Dalla collezione Garofoli ecco Le Piccole Bollicine da uve Verdicchio e Passerina, è piacevole come aperitivo, spuntini veloci e fritto. La storia di Garofoli è una storia di uomini e di una famiglia che da ormai cinque generazioni si identifica nel mondo della produzione vinicola. Sempre la stessa filosofia ha guidato l’azienda: aggiornamento continuo delle tecniche produttive ma rispetto per i sistemi tradizionali e storici di far vino; attenzione alle evoluzioni del mercato e alle sue esigenze ma fedeltà al valore delle peculiarità che le tradizioni del territorio hanno trasmesso. “Ogni goccia è un tesoro”. Questo lo slogan dell’azienda agricola Ballarini Leonardo, immersa nel Parco Regionale del Conero, in Frazione Varano, vicino ad Ancona e 8 km da Portonovo.

L’influenza del mare e la vicinanza delle colline intorno forniscono la combinazione perfetta per la coltivazione di uve eccellenti che producono vini di alta qualità. Stalagma Conero Docg Riserva, è un vino rosso maturo dal colore rosso rubino intenso, profumo di frutta matura, prugna, piccoli frutti di bosco, marasca e vaniglia e gusto morbido, con tannini equilibrati , armonico e di ottima persistenza. Anche il vento ha il suo profumo, come la nostalgia del mare. Questo è Pelago, targato Umani Ronchi. Con il premio ottenuto in occasione dell’International Wine Challenge di Londra, nel 1997, il Pelago è entrato nella lista dei vini italiani più ricercati nel mondo. Nato da un’intuizione del gruppo di tecnici Umani Ronchi, che decise di abbinare al Montepulciano del Cabernet Sauvignon, il Pelago è un vino che conserva lo stile e la personalità delle uve autoctone, insieme alla complessità e al profilo aromatico delle uve bordolesi. Il suo nome deriva dal greco antico pelagos, mare, che suggerisce il carattere marino e le peculiarità organolettiche tipiche dei vini prodotti in prossimità delle coste.


 archivio

fShare
0
Pin It

Nice Social Bookmark

FacebookMySpaceTwitterDiggDeliciousStumbleuponGoogle BookmarksRedditNewsvineLinkedinRSS FeedPinterest
Pin It