Partiamo

il savoir faire della francia per il 2018 01

Numeri di tutto rispetto per la Francia che nel 2917 si è confermata il primo paese più visitato al mondo, con oltre 83 milioni di turisti. Di questi, 6,7 milioni sono stati italiani. Cifre in costante aumento, con un incremento rispetto all’anno precedente del 7%. Sotto il profilo digitale il sito www.france.fr ha ricevuto nel 2017 1 milione e 200mila visite e 98mila i fans registrati su Facebook.

Con questo trend positivo la Francia propone per il 2018 un ricco carnet di eventi per scoprire e riscoprire i tanti volti della sua offerta turistica. Tema di fondo e filo conduttore delle proposte di quest’anno è il savoir-faire in tutte le sue declinazioni, dall’artigianato d’arte alla gastronomia passando per il design e la moda, tutti campi in cui il savoir-faire ha reso famosi nel mondo prodotti e tradizioni francesi.

Notevoli gli eventi che costelleranno i prossimi mesi nelle diverse regioni francesi, a cominciare dalla Ryder Cup, il torneo di golf che si disputa ogni due anni tra giocatori statunitensi ed europei. Per la prima volta il torneo si terrà in Francia dal 28 al 30 novembre 2018. In giugno, dal 21 al 24, dopo 10 anni di assenza tornerà in Francia il Grand Prix de France di Formula 1 a Le Castellet, nel dipartimento del Var.

La 20a edizione del più importante appuntamento enoturistico europeo, la Festa del Vino, si terrà a Bordeaux dal 14 al 18 giugno mentre a Fernay-Voltaire, nel dipartimento dell’Ain, terminati i notevoli lavori di restauro, riaprirà il 30 maggio il Castello di Voltaire, dove il filosofo trascorse gli ultimi vent’anni della sua vita.

Di nuova concezione è Les Pêcheries, il museo del pesce aperto in dicembre scorso nel cuore del porto di Fécamp. Il museo, allestito in una antica seccheria del baccalà, consta di 5 mila mq ed è suddiviso in cinque settori dedicati alla trasformazione del pescato, ai modellini e materiali da pesca, alla storia dei pescatori che partivano da Fécamp verso Terranova dove restavano mesi a pescare il baccalà, all’etnografia regionale, ecc. Ampio spazio è dedicato alle collezioni regionali.

Sempre in Normandia, da marzo aprirà “Calvados Experience”, un sito turistico dedicato al Calvados e all’acquavite famosa in tutto il mondo: La visita al sito comprende la ricostruzione di un villaggio tipico normanno d’anteguerra e l’approfondimento di tutto il processo di distillazione dell’acquavite a cominciare dalla raccolta delle mele fino al suo invecchiamento passando per la torchiatura, fermentazione e distillazione. La visita termina con la degustazione alla presenza di un esperto. www.normandie-tourisme.fr/it

Con due milioni di visitatori lo scorso anno in occasione delle celebrazioni per i 500 anni dalla fondazione della città Le Havre, patrimonio mondiale dell’umanità per la sua architettura moderna, offre quest’anno una novità nel campo della gastronomia: Lo chef Jean-Luc Tartarin, 2 stelle Michelin, ha deciso di aprire, poco lontano dal ristorante gastronomico, il bistrot La Petite Brocante. Un luogo informale e meno sofisticato del suo primo ristorante, dove assaggiare la cucina del territorio a prezzi contenuti. www.lehavretourisme.com

Anche Bordeaux dal 15 giugno avrà un nuovo museo: si tratta del Museo del Mare e della Marina che aprirà nel quartiere dei Bassins à Flot, incentrato, in uno spazio complessivo di 6mila mq, sul patrimonio marittimo locale. Per l’occasione il museo ospiterà fino a settembre 41 quadri di Claude Monet. 
Sempre a Bordeaux la Cité du Vin offre una panoramica sulla cultura del vino attraverso un approccio immersivo e sensoriale grazie ai 3mila mq di spazi tematici interattivi dove approfondire la conoscenza del mondo del vino anche attraverso laboratori e degustazioni.

il savoir faire della francia per il 2018 02

La festa del vino, il più grande evento enoturistico d'Europa dedicato ai vini di Bordeaux e dell'Aquitania, festeggerà quest'anno la 20a edizione e si terrà dal 14 al 18 giugno. Stands e installazioni saranno allestiti lungo i quais di Bordeaux per un totale di oltre 3 km. Ricchissimo il programma degli eventi e delle attrazioni culturali. www.bordeaux-turismo.it

In Occitania, a Montpellier, Nîmes, Tolosa, e altri luoghi, continua fino al 2019 la serie di grandi esposizioni di quadri di Picasso grazie alla collaborazione con il Museo Picasso di Parigi. Le esposizioni si incentreranno su periodi fondamentali della vita dell’artista e il suo impegno politico culmineranno a Tolosa il prossimo anno con la mostra conclusiva “Picasso e l’esilio spagnolo”. www.tourisme-occitanie.com

Anche Marsiglia quest’anno dedica i suoi spazi a Picasso con due mostre: “Picasso, viaggi immaginari”, dal 16 febbraio al 24 giugno al Centre de la Vieille Charité e nello stesso periodo “Picasso e i balletti russi” al Mucem del Fort St-jean. Per la visita di Marsiglia, città organizzatrice nel 2020 di MANIFESTA, la biennale internazionale d’arte contemporeanea, ottimo il City Pass da 24, 48 e 72 ore che dà il libero accesso ai musei, sui trasporti pubblici, sul treno turistico e altre agevolazioni e riduzioni. La visita della città può essere completata con altre due tappe interessanti: la Maison du Pastis, la casa che riunisce i diversi tipi di bevande all’anice dell’aperitivo tradizionale marsigliese e al Musama, il Museo del Sapone di Marsiglia che aprirà a primavera per celebrare uno dei prodotti tradizionali locali. Per unire cultura e savoir faire. www.marseille-tourisme.com

Per raggiungere facilmente la Francia la compagnia ferroviaria Thello offre con l’offerta SMART tre collegamenti al giorno tra Milano e Nizza, di cui uno prosegue per Cannes e Marsiglia, a partire da 15 €. www.thello.com

Per chi preferisce l’aereo la compagnia di bandiera air france offre collegamenti quotidiani da numerose città italiane. www.airfrance.it

Per ulteriori informazioni: www.france.fr


archivio

fShare
7
Pin It

Nice Social Bookmark

FacebookMySpaceTwitterDiggDeliciousStumbleuponGoogle BookmarksRedditNewsvineLinkedinRSS FeedPinterest
Pin It