Palati Raffinati

il miglior bar italiano e a lecce 01I bar italiani, il cui numero è di circa 140.000, è una delle realtà enogastronomiche italiane in continua trasformazione, alla ricerca di una collocazione ben precisa e dell’adeguamento del ruolo al tempo della globalizzazione. «I bar italiani sono una delle più grandi espressioni del talento enogastronomico del nostro Paese – ci spiega Paolo Cuccia, presidente del Gambero Rosso, a margine della presentazione a Roma della guida “Bar d’Italia Gambero Rosso 2018” -. Ci sono dei soggetti che ancora non si sono rinnovati. C’è bisogno di una nuova generazione con una maggiore attenzione alla qualità. Rispetto al mercato internazionale, il problema dei bar è quello dell’Italia in generale: ci sono troppe piccole medie aziende. L’Italia deve affrontare il problema formativo in tutta la filiera» ha concluso Cuccia.

il miglior bar italiano e a lecce 02

E’ un settore in cui sono impiegate 360mila persone, 200mila delle quali dipendenti, che genera un volume di affari di 6,6 miliardi di euro (Fonte Fipe),
L’offerta dei migliori bar italiani diventa ogni anno più articolata e complessa. Il bar si è trasformato in una palestra per sperimentare, testare gusti, creare tendenze.
Quasi in sordina, allegata alla guida “ViaggiarBene” del 2001 del Gambero Rosso, è nata la Guida “Bar d’Italia”, giunta alla diciottesima edizione, che fotografa una realtà dei migliori bar della penisola: sono 1.300 locali (erano 380 nel 2001) con una descrizione da baedeker e l’inconfondibile riconoscimento delle Tre Tazzine e dei Tre Chicchi.
Cosa è successo in questi anni? «Il bar si è riappropriato del suo ruolo di locale jolly, capace di cambiare pelle lungo l’arco della giornata, mettendo sul piatto un’offerta dinamica e di qualità, in grado di far concorrenza al ristorante» ha spiegato Laura Mantovano, direttrice della Guida.

New entry nell’Olimpo delle Tre Tazzine e dei Tre Chicchi: “Amo” dei fratelli Alajmo a Venezia; il “Caffè Garibaldi” firmato da Lorenzo Cogo a Vicenza e “Hackert” con lo chef trentenne laureato in lingue Marco Merola a Caserta, che nonostante la giovane età ha maturato esperienza negli Stati Uniti.

I locali premiati con le Tre Tazzine e i Tre chicchi, sono suddivisi tra bar finalisti del Premio illy Bar dell’Anno, caffè storici e bar dei grandi alberghi; oltre 100 novità e una nuova insegna (Sirani di Bagnolo Mella, in provincia di Brescia) nella categoria le stelle, i locali che per almeno dieci anni consecutivi hanno conquistato Tre tazzine e Tre chicchi.

il miglior bar italiano e a lecce 03

Il miglior Bar italiano dell’anno è risultato “300mila Lounge” di Lecce premiato per «l’innovativa visione imprenditoriale, la qualità dell’offerta complessiva anche della mixology, ricerca della materia prima e sensibilità ai temi sociali e di sostenibilità ambientale. A distanza di 5 anni dall’ultima vittoria si conferma vincente la sua idea di bar a 360°». Una menzione speciale a “Hackert” di Caserta per l’eclettismo, la qualità offerta e il coraggio imprenditoriale in un contesto difficile e disagiato.

Il premio – giunto quest’anno alla XVI edizione – si propone di valorizzare e promuovere la cultura del bar italiano e consiste in un viaggio a New York in occasione del Premio Internazionale del Caffè Ernesto Illy.

La Regione leader è la Lombardia con 9 locali premiati, seguono Veneto con 7, Emilia Romagna con 6, Piemonte e Sicilia con 5, Toscana con 3; Liguria, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Campania e Puglia con 2. Un locale sul podio per Abruzzo e Marche.

Decima edizione per il Premio Aperitivo dell’anno assegnato da Sanbittèr&Gambero Rosso al bar che presenta la formula di aperitivo più originale e divertente. Vincitore per l’edizione 2018 è Sambirano di Reggio Emilia.

il miglior bar italiano e a lecce 04

Bar d’Italia Gambero Rosso 2018
Gambero Rosso
pp. 432 10 euro

Foto © Enzo Di Giacomo 


archivio

fShare
0
Pin It

Nice Social Bookmark

FacebookMySpaceTwitterDiggDeliciousStumbleuponGoogle BookmarksRedditNewsvineLinkedinRSS FeedPinterest
Pin It