Partiamo

a cortina d estate si puo fare 01

Non c’è solo la Cortina invernale dei “Vip”, con i suoi splendidi alberghi (sempre squisita l’ospitalità di Gherardo Manaigo all’Hotel de la Poste!!!!) e le piste, c’è anche una Cortina estiva (e, volendo, per tutte le tasche, compresi meublè e pure strutture “una stella” o camper …). Domenica 2 luglio 2017 c’è stata una delle feste forse più sentite, cioè la Sagra d’Ampezzo. In questa avventura siamo stati “scortati” – oltre che adeguatamente istruiti (e indottrinati) – da un personaggio davvero fantastico, in autentico costume d’epoca: gli stranieri facevano a gara a fotografarla!!!! Questa guida illustre è la Presidente dell’Ulda (Union de i Ladis de Anpezo), Elsa Zardini.

Fin dal mattino c’è stato il mercato diffuso, con a pranzo la possibilità di mangiare direttamente nel mitico Corso Italia. Alle 14 c’è stato il tradizionale concerto del Corpo Musicale di Cortina in Piazza Angelo Dibona con, a seguire, il Palio delle Contrade con mini-palio, palio, taglio del ceppo (un tronco viene segato, a mano, in 16 secondi!!!) e tiro alla fune.

Ma è tutta l’estate che si può godere a Cortina, assaporando il gusto della tradizione, oltre che di una poliedrica varietà di ristoranti e di mangiate in rifugio, anche ad alta quota.

Agricoltori in campo alla Fattoria Meneguto: tutti i giovedì fino a settembre dalle ore 9.00 alle 16.00, anche in caso di pioggia, c’è la vendita diretta di prodotti a Km zero – dai latticini di Alpe Cortina alle verdure di stagione, marmellate e fieno per animali della Fattoria Meneguto – in aggiunta a funghi, miele, fagioli di Lamon e Gialet (www.agriturismodegaspergiorgio.it).

Per tutto luglio e agosto, poi, spazio alle feste campestri dei sestieri, i sei “quartieri” della conca. Si inizia con la festa di Cadin, rinomata per le frittelle di mele fatte al momento; quindi si torna in centro con la festa del sestiere di Cortina, famosa per le crêpes e per l’allestimento a tema, quest’anno dedicato alla vita country. Tocca, dunque, a Chiave con i suoi tirtlen di spinaci o marmellata e al sestiere di Alverà con le fartaies, i tipici dolci fritti con marmellata di mirtilli rossi e zucchero a velo. Seguono le feste di Zuel, con protagonisti i prodotti del bosco – polenta e funghi, frutti di bosco con panna – e Azon con le frittelle secondo tradizione locale.

Bacco alla corte della Regina, con VinoVip che celebra i suoi vent’anni a Cortina. Il 9 e 10 luglio 2017, la Regina delle Dolomiti ospiterà l’eccellenza della produzione enologica italiana con aziende vitivinicole note a livello internazionale, ma anche boutique wineries e piccole cantine dalla grande fama. VinoVip Cortina è la Biennale di Civiltà del bere, che anima una due giorni di seminari, masterclass e degustazioni ad alta quota.

Sabato 12 agosto torna, per il quinto anno consecutivo, Calici di Stelle a Cortina d'Ampezzo. L'evento – organizzato dal Movimento del Turismo del Vino Italia, Città del Vino e Veneziaeventi – si terrà presso la terrazza dell’Hotel De la Poste in Piazza Roma. Ricchissimo il programma di degustazioni, con oltre 100 etichette di vino provenienti da tutta Italia. Dalle ore 17.00 alle 21.00 al grande banco d'assaggio sarà possibile apprezzare i vini accompagnati da piatti tipici ampezzani. Alle ore 21.00, la Cena Calici di Stelle – aperta al pubblico su prenotazione – al Ristorante dell'Hotel de la Poste con la presenza delle aziende vitivinicole. Sempre all’Hotel de la Poste, il 9 settembre, la seconda edizione di Cortina Vintage per un dolce ritorno all’eleganza d’altri tempi, con il raduno di Porsche 914 e la sfilata in abiti d’epoca nel corso della cena (www.veneziaeventi.com).

Ma non basta. Mangiando si impara: il 27 luglio e il 3, 12, 17 e 24 agosto, tornano le Astrocene al Rifugio Col Druscié. Ritrovo ore 18.00 al Planetario per la lezione didattica e le dimostrazioni dei movimenti del cielo. Aperitivo ore 20.45 al Rifugio e, durante la cena, osservazioni del cielo estivo e di Saturno.

Domenica 6 agosto nel corso dell’inaugurazione dell’ampliamento del Museo all'Aperto della Grande Guerra, la famiglia Siorpaes del rifugio Averau propone la rievocazione degli eventi che sconvolsero le Dolomiti nel 1917 e non solo. Durante la manifestazione verrà distribuito il rancio militare nelle gavette fornite dal comando generale truppe alpine di Bolzano, mentre il cibo sarà servito da una cucina da campo originale e funzionante dell’Imperiale e Regio Esercito Austro-Ungarico, denominata “Goulaschkanonen”. Da non perdere: gli approfondimenti del professor Paolo Giacomel e il “Caffè di Guerra”, un surrogato di caffè a base di fichi secchi, inventato dall’esercito imperiale austriaco.

Il 4, 11 e 18 agosto, tornano le Serate alternative con visita serale al Museo della Grande Guerra delle 5 Torri e cena presso i Rifugi Scoiattoli e Averau .

Ma anche cucinando si impara: per chi desiderasse apprendere i segreti dell’alta cucina, non mancano le lezioni da chef in quota presso il Ristorante Da Aurelio-Rifugio Piezza, il Ristorante Tivoli dello chef stellato Graziano Prest (dalle 9.30 alle 12.00 show cooking e pranzo e il centralissimo Hotel Ancora.

E poi ci sono eventi per tutti i gusti. Il 15 e 22 luglio, il 5, 12, 19 agosto, il 2 e 23 settembre l’Alba da Cima Tofana: si sale a quota 3.244 metri per ammirare i contorni delle Dolomiti colorarsi di rosa, prima di assaporare un’indimenticabile colazione a un soffio dal cielo.

Il 16 luglio appuntamento a tavola al Rifugio Averau, con un pranzo a base di maialini allo spiedo e, dalle 14.00, il concerto del Coro Cortina, che dal 1965 anima feste ed eventi in tutto il mondo con canti popolari, composizioni d’autori antichi e moderni, brani sacri e di montagna.

Sempre al Rifugio Averau, il 25 luglio, la Cena Delicious a sei mani, con la chef Paola De Lorenzi e i titolari del Ristorante Terracotta di Belluno – Simone e Federico Larese – assieme per una serata all’insegna dei sapori delle Dolomiti.

Il 29 luglio, il 13, 20, 26 agosto e il 9 settembre si torna in Cima Tofana per osservare il tramonto, degustando vini e assaggi proposti da Herbert e Luca.

Il giorno di Ferragosto – oltre al tradizionale appuntamento in Faloria – un momento fresco e goloso al Rifugio Croda da Lago. Sulle sponde del Lago Federa, infatti, sarà possibile assaggiare il gelato preparato artigianalmente e servito – dalle 10.00 alle 16.00 – utilizzando un carrettino ottocentesco, epoca in cui il gelato delle valli bellunesi iniziò a conquistare il mondo (il rifugio può essere raggiunto a piedi o tramite un servizio di navetta.

Per info:

www.cortinadolomiti.eu www.cortina.dolomiti.org


archivio

fShare
1
Pin It

Nice Social Bookmark

FacebookMySpaceTwitterDiggDeliciousStumbleuponGoogle BookmarksRedditNewsvineLinkedinRSS FeedPinterest
Pin It