formia un territorio da scoprire tutto l anno 01

Sarà il sole, sarà il mare, sarà il cibo, sarà la storia, sarà quel microclima particolare tra mare e monti, o tutto questo messo assieme, ma quel lembo di costa che va da Sperlonga fino a Minturno passando per Gaeta e Formia e chiamato la Riviera di Ulisse è un territorio unico, magico, che sa di antico ed è fruibile in ogni mese dell’anno. 

La storia ci ha messo del suo dotando la zona di aree archeologiche di tutto rispetto, la geografia ci ha messo il resto con panorami mozzafiato, calette deliziose e scorci da premio fotografico. Lo avevano capito già i greci e poi i romani che qui vi avevano costruito ville sontuose dove passare la villeggiatura in ozio o farsi addirittura seppellire, come la torre definita il sepolcro di Cicerone ma su cui non concordano gli archeologi. Ancora non è stata trovata la sua villa anche se scavi recenti hanno portato alla luce un tratto di lastricato romano. Certo è che Cicerone aveva eletto Formia a suo luogo di soggiorno, tanto che amava dire: “Non mi sembra un uomo libero quello che non ozia di tanto in tanto”.

formia un territorio da scoprire tutto l anno 02

La zona è una terra magica che trae origine dalla mitologia e da una presenza prima greca e poi romana che qui ha lasciato notevoli tracce del suo passaggio. A Formia è da non perdere la visita al Cisternone Romano, un luogo fatato situato in alto nella zona di Torre di Castellone e alimentato da sorgenti dell’area collinare di Santa Maria da Noce. Non lo sanno in molti, ma dopo la cisterna di Istanbul questa è la più grande struttura idraulica che si conservi in Europa. Qualcosa di simile è presente a Bacoli, vicino Napoli, la Piscina Mirabilis, ma l'acqua lì non c'è più mentre qui è ancora presente, e da' all'ambiente un'atmosfera particolare che rende la visita particolarmente affascinante.  La Torre di Castellone invece fa parte dell’antica cinta muraria cittadina costruita per motivi di difesa nel medioevo quando le scorribande dei pirati obbligavano a cercare riparo dai loro pericolosi attacchi. 

formia un territorio da scoprire tutto l anno 08

Il quartiere poi è un piccolo gioiello, con scalinate, antri, archi e vicoli che si perdono all'infinito. Girovagando per le sue stradine sembra di essere in un puzzle, tra vasi fioriti e signore che chiacchierano sedute sulla porta di casa. Ogni tanto si incontra qualche vera chicca, come la Macelleria di Peppino Palmaccio, un'istituzione dal 1960 per le carni di qualità. 

Da qui passava la Via Appia che collegava Roma a Brindisi e di testimonianze antiche ce ne sono abbastanza, come per esempio la villa di Caposele, una villa imponente su tre terrazze insieme ad un porticciolo e detta anche villa di Cicerone, di cui sono stati riportati alla luce i depositi del piano terra ma troppo ancora ci sarebbe da scavare e chissà cos'altro potrebbe venire alla luce!

formia un territorio da scoprire tutto l anno 03

Oggi Formia è una cittadina vivace, con una lunga costa fruibile alle spalle di un territorio ancora sincero e genuino. Lungo le colline che si innalzano verso Itri, di cui è notevole il castello, viene coltivato l' elemento fondamentale dell'identità del Mediterraneo, l’ulivo. La cultivar principale è Itrana, una varietà autoctona del territorio, da cui oltre all'ottimo olio EVO, che Omero amava chiamare "il liquido d'oro", hanno origine anche le famose olive di Gaeta, in qualità chiara e scura (quest’ultime restano sulle piante fino a marzo) che hanno nel distributore Francesco Paolo Arzano di Itri il nome più accreditato. le olive in realtà si producono in tutto il territorio ma sono ormai universalmente conosciute con il nome di olive di Gaeta perchè era dal porto di Gaeta che partivano per essere commercializzate.

formia un territorio da scoprire tutto l anno 07

L’azienda Monti Cecubi, con i suoi vigneti lungo la campagna itrana, vanta una buona produzione di vino, tra cui Falanghina, Rosso igt e in particolare vitigni antichi come il Cecubo, l’Abbuoto e il Serpe. Chocolart della famiglia Fortini, con Francesco che cura le relazioni pubbliche, è un piccolo laboratorio artigianale nato nel 1997 e che fa dell’innovazione la sua punta di diamante con l’ultima creazione, l’oliva di Gaeta al cioccolato. Ma questo è anche territorio di ottima mozzarella, in particolare di bufala. Uno degli indirizzi più accreditati è Gallo, che ha la sede di produzione in Via Domitiana a Mondragone ma a Formia ha un punto vendita in Via Vitruvio 36. Vi si può acquistare mozzarelle, trecce, ricotta tutto prodotto con latte di bufala al 100%. 

formia un territorio da scoprire tutto l anno 05

Per mettersi a tavola e mangiare bene con prodotti di qualità non c’è che l’imbarazzo della scelta. Per chi ama la tradizione sia Gianluca Giornalista, presidente dell’Associazione Cuochi del Golfo, nel suo Ristopub Max’s Beer Garden sul Lungomare di Gianola che Stefania de Marco nella sua Trattoria il Poggio da Gennaro a Penitro, un piccolo sobborgo di Formia sui contrafforti montani, offrono il meglio della ristorazione locale tradizionale, sia di carne che di pesce di altissima qualità. Se invece si preferisce fare un viaggio tra i sapori della tradizione ma in chiave di lettura più moderna allora il posto giusto è Pesce e Pesce, osteria di terra e di mare nel centro storico di Gaeta dove Davide Prats, Giuseppe Balzano e Antonio Spinosa deliziano gli ospiti con ricette antiche rivisitate.

formia un territorio da scoprire tutto l anno 06

Ma come far conoscere ancora meglio questo territorio magico? Se lo sono chiesto Cinzia Calligaris e Antonio Iadanza, rispettivamente Presidente e Vicepresidente de Le Dimore del Sole, un’associazione di strutture extraalberghiere come case vacanza, B&B, agriturismi, che hanno organizzato un incontro tra stampa e imprenditori proprio per stimolare un maggiore sviluppo turistico e portare all’attenzione del grande pubblico di viaggiatori un territorio che offre relax, svago e cultura in ogni periodo dell’anno.

formia un territorio da scoprire tutto l anno 04

Con la loro offerta di qualità in ambienti familiari gli albergatori de Le Dimore del Sole contribuiscono alla conoscenza di questo lembo di costa laziale abbastanza vicino sia a Roma che a Napoli e ben collegato sia da strade che da ferrovia. Non resta che partire alla scoperta del territorio, meglio se prenotando un soggiorno presso una struttura de Le Dimore del Sole per essere sicuri di poter godere di una vacanza serena grazie ad un'accoglienza professionale ma che ti fa sentire come a casa.  La lista di tutte le strutture è disponibile online su: https://www.ledimoredelsole.com/


archivio

Pin It

Nice Social Bookmark

FacebookMySpaceTwitterDiggDeliciousStumbleuponGoogle BookmarksRedditNewsvineLinkedinRSS FeedPinterest
Pin It