Taccuinodiviaggio
Rubriche
PDF Stampa E-mail
INCONTRI D'AUTORE
 

 
"LA VERA ELEGANZA"

di BARBARA RONCHI DELLA ROCCA

Edizioni Sperling & Kupfer Editori

alt

di Alexander Màscàl
foto Matteo Saraggi

Apparentemente, chiuso, potrebbe apparire un semplice libro di scuola del bon ton adatto solo ad alcuni lettori. Uno di quei libri "inutili" per molti, quelli che se te li regalano li metti nella libreria "tanto per riempirla" e li dimentichi lì a raccogliere polvere...
Ma questo solo se non hai mai letto nulla di Barbara Ronchi della Rocca e non conosci il suo modo insolito di scrivere di bon ton ed eleganza...

Come tutti i suoi libri basta aprirlo per comprendere che in realtà è un... ironico manuale di sopravvivenza utile per ogni età...
Un libro scritto per chi si sente "fuori moda" perchè non veste come il divo del momento o non vive come il riccone che pavoneggia i suoi flirt tra le pagine dei rotocalchi, o per chi non sa che in lui c'è "la vera eleganza", quella che lo rende libero nelle proprie scelte e non schiavo di quella dozzinalità che fa di lui un manichino simile a tanti altri...

Attratta dalle prime parole di "Le bugie", mi sono soffermata sorridendo nello scoprire che io e lei pensiamo e scriviamo allo stesso modo e mi viene spontaneo pensare: "Chissà quanti altri... -fuori moda- come noi ci saranno?".
E' un libro stupendo, come tutti gli altri suoi scritti che ho letto. Uno di quelli che leggi "d'un fiato".  In alcuni punti la lettura diventa ironia satirica, ma è scritta con quella classe che contraddistingue Barbara Ronchi della Rocca e anche se mi riscopro attraverso gli scritti sorrido... ironizzandomi da sola...

Più che un libro di buone maniere è un insegnamento di come riuscire a convivere con noi stessi...  E' un "libro elegante, per persone -veramente eleganti-", proprio come lei: raffinata nel vestire, nel muoversi, nel parlare. Elegante... ma di quella eleganza come definisce lei: "La vera eleganza è il talento di chi si sente bene nella propria pelle".

E' il modo di essere delle persone intelligenti e sensibili, che non cedono alla vanità o all'esibizionismo, curano l'abbigliamento senza preoccuparsi della moda perchè prima di tutto... vogliono essere sè stesse.
La vera eleganza non segue schemi o regole prefissate, proprio perchè nasce dall'interno e ognuno può interpretarla in modo diverso, ma con quelle caratteristiche personali che la rendono immediatamente riconoscibile e fanno di ogni individuo un personaggio unico, inimitabile.

Spesso è un dono naturale ma si può anche conquistare con il buon gusto, vincendo la tentazione di adottare, nel vestire come nel vivere, modelli dettati dai "ricchi e famosi, dai divi o dalla moda del momento" e imparando a guardarsi con un pizzico di autoironia, senza commiserarsi ma cercando in altri atteggiamenti quella "mancanza" di un bel fisico o di eleganza, che più che alla raffinatezza è volta ad un arrogante ostentare un simbolo di ricchezza e bellezza.

La vera eleganza è dentro di noi, è nell'anima e nelle mille sfaccettature del nostro modo di vivere, è nei nostri occhi... specchio dell'anima e c'insegna a riscoprire il gusto delle sfumature e delle piccole cose, a non dimenticare le tradizioni, a non rassegnarsi mai alla banalità del cattivo gusto, è come la stessa Barbara: sorprendentemente ironica ma con classe; affabile, raffinata e con "buon gusto" ma libera nel scegliere il proprio stile di vita e nel vestire, come in ogni altra sua scelta.

"La vera eleganza", di Barbara Ronchi della Rocca, della Sperling & Kupfer Editori è una lettura da non perdere, un regalo da fare, ma sopratutto... da farci.
E' una guida per chi ha superato gli... anta, per chi vuole sorridere nel ritrovarsi tra le pagine del libro, per chi è bello ed elegante... ma insipido e narcisista, per chi crede che la vera eleganza stia nel seguire la moda... del momento o il vivere come il loro idolo ma anche per chi si crede "brutto" e a lettura terminata scoprirà di essere il... "Brutto anatroccolo"... della favola...

Mi piace come scrive, mi piace la sua "vera eleganza interiore", il suo modo di fare signorile, raffinato, intelligente, ma anche autoironico. Mi piace tutto della Barbara scrittrice e donna.
Che sono una sua ammiratrice... già lo sapevate: leggete il suo libro e lo diventerete anche voi...

alt



Barbara Ronchi della Rocca oltre a collaborare con il celebre enogastronomo Paolo Massobrio è... un'appassionata della cucina e non potevo quindi non farmi consigliare qualche ricetta per uno dei miei piatti preferiti: il riso.
Ecco due ottimi consigli da provare: buon appetito!

TORTA SALATA DI RISO E ZUCCHINE

Ingredienti per 6 persone:

1 kg di zucchine
1 confezione di pasta sfoglia surgelata
300 gr di riso
1 scalogno
1 bicchiere di vino bianco
3 uova
brodo vegetale
sale e pepe

Preparazione:
Scaldare 4 cucchiai d'olio, soffriggere 1 grosso scalogno, unire il riso e le zucchine tagliate sottili, bagnare con vino bianco e poi procedere come per un risotto. A fine cottura unire 3 uova intere, sale e pepe. Farcire con quest'impasto una torta di pasta sfoglia o brisée, sigillando bene la sfoglia superiore, da spennellare con un pò di acqua e olio sbattuti insieme. Con i rebbi di una forchetta fare dei piccoli fori.
Cuocere per 60' a 180°


RISOTTO ALLE MELE

Dosi per 4 persone:

2 mele renette
350 gr di riso Carnaroli
1 grossa cipolla
1 bicchiere di vino bianco
1 mazzetto di aneto
brodo vegetale
olio
sale e pepe

Preparazione:
Soffriggere in olio la cipolla tagliata sottilissima (non tritata), unire il riso, bagnare con vino bianco, poi continuare con brodo vegetale caldo in cui va sciolto 1 cucchiaio di curry. A metà cottura unire le mele sbucciate e tagliate a fette. A fine cottura, a fuoco spento mantecare con una noce di burro e l'aneto tritato fine.



 

 

Copyright © 2001-2016 Taccuinodiviaggio.it - autorizzazione Tribunale di Roma n 206/07 - tutti i diritti riservati
Tutti gli articoli e i testi firmati presenti in questo sito sono protetti dalla legge 633/1941 sul diritto d’autore.